fbpx
Home | Notizie | Valore economico sul riciclo delle mascherine monouso

Valore economico sul riciclo delle mascherine monouso

Tutti i calcoli presenti in questo documento, non tengono in considerazione il risparmio derivante dal mancato costo di smaltimento delle mascherine come rifiuto.
Schema del valore economico del materiale recuperato dal riciclo delle mascherine, i dati utilizzati per il calcolo sono stati ricavati da fonti informative pubbliche, gli Studenti, dalla presidenza del consiglio dei ministri sul monitoraggio della distribuzione (1), il costo a tonnellata del materiale, dal borsino dei rifiuti con ultima valutazione del polipropilene a €355 a tonnellata riferito alla materia prima seconda (2), è stato utilizzato il peso di ogni mascherina a 2,5g cad.
Fonte dati:
1) https://app.powerbi.com/
2) https://www.borsinorifiuti.com

Schema del valore per il materiale (polipropilene) riciclato, calcolato sul numero degli studenti considerando la distribuzione di una mascherina al giorno:

I dati sono aggioranti al 25/09/2020

La tabella seguente è il rilevamento della effettiva distribuzione, anche in questo caso di dati provengono dalla presidenza del consiglio dei ministri sul monitoraggio della distribuzione (1), il costo a tonnellata del materiale, dal borsino dei rifiuti con ultima valutazione del polipropilene a €355 a tonnellata riferito alla materia prima seconda (2), è stato utilizzato il peso di ogni mascherina a 2,5g cad.

Distribuzione effettiva per regione dati aggiornati al 07/10/2020

Le tabelle precedenti prendono in considerazione la sola popolazione degli studenti su cui, lo stato, ha attivato la distribuzione delle mascherine monouso, e la fonte dati è ufficiale e verificabile, ma cosa succede se lo stesso principio, cioè l’uso di almeno una mascherina monouso al giorno per abitante, vien applicata all’intera popolazione italiana?

Il calcolo non tiene conto di diverse variabili, come i neonati, coloro che utilizzano le mascherine lavabili o infine chi usa quelle “fatte in casa”, quindi in stoffa, perciò il calcolo è teorico, potendo ottenere dati più precisi, il calcolo potrebbe avvicinarsi maggiormente alla realtà.


Considerando comunque, la domanda del primo paragrafo, ecco come si prospetta lo scenario:

Censimento al 31/12/2019 60.244.639
Tonnellate abitanti giorno 1.506,12
Tonnellate abitanti anno 549.732,33
Valore materiale giorno € 534.671,17
Valore materiale anno € 195.154.977,46

Considerazioni:
Mi piace pensare che, in mondo perfetto, ogni regione si assicurerebbe che si possano recuperare questi materiali invece di bruciarli o seppellirli, per smaltire questi rifiuti, ma, al momento, così non è, valutando la realtà dei fatti, in questo caso la potenziale resa economica del riciclo, se si pensa alla realizzazione di impianti ad hoc realizzati appositamente, salta agli occhi che una scelta del genere non è economicamente sostenibile, per tutte le regioni, quindi, per fare proposte sensate, bisogna ragionare in termini di convenienza economica per facilitare il percorso del riciclo, gli scenari possono essere vari;
fare accordi con aziende del settore che già si occupano di riciclo del polipropilene e porre in essere una convenzione, in questo caso, ciò che le regioni e i comuni delle stesse dovrebbero garantire, è la raccolta puntuale e dedicata alle mascherine, con punti di raccolta in ogni luogo di aggregazione (non solo scuole) e garantire così un flusso costante di materiale portato agli impianti;
l’altro scenario potrebbe vedere le regioni con minore resa economica dal riciclo, consorziarsi con altre regioni vicine e fare “massa critica” per garantire una resa economica che permetta di adottare misure sostenibili, che si tratti di realizzare impianti ad hoc per il riciclo, ma anche porre in essere convenzioni come descritto nel paragrafo precedente.
Qualunque soluzione si intenda “migliore”, il primo passo fondamentale è politico, e deve rispondere alla prima domanda da porsi: VOGLIAMO RICICLARE LE MASCHERINE? Se la risposta a questa domande è negativa, ogni valutazione tecnica o logistica è inutile, ma in questo caso non solo perdiamo valore economico accollandoci la spesa dello smaltimento, ma contribuiremo a minare la salubrità ambientale.
 
 

 

WhatsApp WhatsApp us